Quali opzioni ho?

Esse includono:

  • Allattamento al seno: eliminazione dei prodotti caseari dalla sua dieta

Quando allatta al seno, alcune sostanze nutritive contenute negli alimenti che mangia arrivano al suo bambino attraverso il latte materno. Il che vuol dire che quando mangia cibi a base di latte, il suo bambino può essere esposto a frammenti allergenici di proteine del latte vaccino. Tuttavia, questa non è una ragione valida per interrompere l'allattamento al seno,che rappresenta la miglior fonte di nutrimento per il suo bambino. Solo dietro suggerimento del medico potrebbe dover  eliminare tutti i prodotti caseari dalla sua dieta.1 Il latte ed i suoi derivati, come yogurt e formaggio, ovviamente sono fonti casearie, ma anche altri alimenti, quali pane, cereali e condimenti per insalata, possono contenere il latte. Dovrà leggere attentamente tutte le etichette degli alimenti per verificare che non vi siano componenti del latte al loro interno, come caseina e siero. Potrà dover seguire una dieta priva di prodotti caseari per almeno due settimane prima che le reazioni allergiche del suo bambino cessino. Anche allora, dovrà proseguire tale dieta fino al completo svezzamento o finché il suo medico non raccomanda di reintrodurre le proteine del latte nella dieta del suo bambino. Proceda in tal senso sotto la supervisione di un medico.
 
  • Formule raccomandate per i bambini allergici al latte vaccino

le proteine del latte vaccino contenute nelle formule standard sono la causa delle reazioni allergiche dei bambini affetti dall'allergia al suddetto tipo di latte. Le formule ipoallergeniche per bambini allergici al latte vaccino sono specificamente formulate per ridurre il rischio che suo figlio manifesti delle reazioni allergiche correlate al latte vaccino.
I due tipi di formule ipoallergeniche raccomandate per bambini affetti da tale allergia comprendono quelle estesamente idrolizzate e, per le forme gravi, quelle a base di aminoacidi.
 

Formula ipoallergenica estesamente idrolizzata

Le proteine sono composte da numerosi aminoacidi, i quali sono analoghi a dei piccoli blocchi legati insieme per formare delle catene lunghe. 
Il sistema immunitario di un bambino allergico al latte vaccino identifica erroneamente come dannose alcune catene della proteina del latte vaccino e le reazioni allergiche insorgono perché cerca di combatterle. Immagini di scindere queste lunghe catene proteiche in molte piccole catene composte da aminoacidi legati in gruppi di soli due o tre componenti. È questo l'aspetto che ha la proteina del latte vaccino contenuta in Nutramigen® LGG®*. Le catene di proteine del latte vaccino contenute nelle formule estesamente idrolizzate, come Nutramigen® LGG®, vengono scisse in modo così estensivo in piccole parti (ovvero vengono idrolizzate) che i sistemi immunitari della maggior parte dei bambini allergici al latte vaccino non riconoscono più la proteina del latte come una minaccia. Le formule ipoallergeniche estesamente idrolizzate sono altresì raccomandate per i bambini colpiti da manifestazioni cutanee, quali l'eczema, provocate dall'allergia al latte vaccino, nonché per bambini con anamnesi familiare positiva per allergie alimentari multiple, come quelle al latte vaccino, alla soia, alle uova, al frumento, alle noccioline, alla frutta con guscio e al pesce.2

Formula a base di aminoacidi

Talvolta un bambino allergico al latte vaccino ha delle reazioni gravi alle proteine di tale tipo di latte. Per questi bambini è necessaria la formula ipoallergenica basata sui singoli blocchi individuali della proteina, ossia gli aminoacidi.3 A differenza delle formule standard per neonati, nelle quali centinaia di aminoacidi si uniscono formando lunghe catene di proteine del latte vaccino, o delle formule estesamente idrolizzate, nelle quali pochi aminoacidi si legano creando catene proteiche corte, la formula a base di aminoacidi non contiene alcuna catena. In queste formule, la proteina si presenta infatti nella sua forma più semplice ed è composta da aminoacidi singoli, le sue unità strutturali. Una formula a base di aminoacidi non contiene le proteine del latte vaccino ed è indicata per i neonati che manifestano reazioni gravi ad essa correlate, quali difficoltà respiratorie gravi, orticaria e shock anafilattico. Inoltre, le formule a base di aminoacidi sono raccomandate per i bambini con allergie alimentari multiple3, quali quelle al latte vaccino, alla soia, alle uova, al frumento, alle noccioline, alla frutta con guscio e al pesce, nonché per casi gravi di allergia al latte vaccino.

 

Prodotti non raccomandati per i bambini allergici al latte vaccino

Vista l'ingente quantità di formule presenti sul mercato, può essere difficile trovare quella più adatta ad un bambino allergico al latte vaccino. Si attenga sempre al parere del suo medico. 
 
 
*LGG® è un marchio commerciale registrato di Valio Ltd.

 

Quali opzioni ho? - ref list

Bibliografia

 

1. Kneepkens et al. 2009
2. Vandenplas et al. 2007
3. Koletzko et al. 2012 
4. Canani et al. 2013